• Home
  • Lettere
  • Lettera/ Ricominciare da zero a quarant’anni…

Lettera/ Ricominciare da zero a quarant’anni…

Oggi Italyamonews pubblica la lettera di Teresa Tani che racconta la sua esperienza di espatrio

Quarant’anni…e ricomincio da zero….
Si dice che a 40 anni cominci una nuova vita. Non si è troppo vecchi per ricominciare e neppure troppo giovani per non avere nessuna esperienza; ci vuole solo tanto coraggio e tanta convinzione e, perchè no, un pizzico di fortuna.
Sono calabrese legata alla mia terra, ma consapevole che sia una terra difficile e straordinariamente complicata. Mi sono innamorata e poi sposata con un giovane ingegnere, anche lui calabrese, molto bravo nel suo lavoro, e questo ci ha portato a lasciare l’Italia e ad “emigrare” in Svizzera, a Ginevra. Città altezzosa, elegante, fredda, internazionale e molto costosa.

 

Bristol

Bristol

da zero (from scratch – partir de zéro) neppure (not even – même pas) pizzico di fortuna (a bit of luck – un peu de chance) legata (feel a strong connection to – suis liée) consapevole (aware – conscient) mi sono innamorata (fell in love – tombée amoureuse) bravo nel suo lavoro (very good at his job – très bon dans son travail) ci ha portato (led us – nuos a conduit) costosa (expensive – coûteux)

Nei quattordici anni vissuti in questa città ho conosciuto persone a cui sono profondamente legata, ho avuto due meravigliosi bambini ed ho continuato ad aprire la mia mente e ad essere pronta a nuovi cambiamenti. Ed ecco che qualche mese fa mio marito ha avuto una proposta di lavoro in Inghilterra: a Bristol.
Decisione difficile da prendere soprattutto pensando ai nostri figli perfettamente radicati a Ginevra. Avendo amici sparsi per il mondo abbiamo fatto un piccolo sondaggio, giusto per avere qualche parere che ci potesse aiutare a schiarirci le idee. Ovviamente le risposte sono state molto diverse e ci hanno confuso ancora di piu’. Ci siamo posti la classica domanda: “il gioco vale la candela?” I rischi erano tanti: la paura dell’ignoto, il timore di sconvolgere la vita dei bambini e, perchè no anche la nostra di vita….Abbiamo deciso di rischiare, di accettare l’offerta per un futuro diverso e sicuramente piu’ ricco di opportunità per i nostri figli. Parlare tre lingue a nove e cinque anni non è da tutti!!!
Abbiamo lasciato la nostra casa, i nostri amici, la nostra vita “sicura” e “stabile” per l’incerto.

essere pronta (être prêt – be ready) cambiamenti (changes – changements) proposta di lavoro (job offer – offre d’emploi) da prendere (to make – à prendre) radicati (rooted – enraciné) sparsi per il mondo (partout dans le monde – around the world) sondaggio (survey – sondage) schiarirsi le idee (think things through – clarifier les idées) ovviamente (obviously – de toute évidence) ci siamo posti (we asked ourselves – nous nous sommes posés) vale ( worth – en vaut) ignoto (unknown – inconnu) timore di sconvolgere (fear of upsetting – peur de boulverser) ricco di (full of – plus plein) non è da tutti (not everyone would have this chance – n’est pas pour tous)

Bristol

Bristol

Città nuova, casa nuova, scuola nuova, lingua nuova…
L’accoglienza è stata unica, quasi inverosimile a detta degli stessi inglesi.Tutti disponibili, la scuola ci ha aiutato ad inserirci facendoci conoscere genitori che parlassero francese o italiano, tutor in classe per i bambini, ci ha perfino aiutato a trovare una baby sitter…
Ci hanno insegnato e dimostrato con i fatti quale sia il significato della parola “integrazione”…
Oggi, dopo solo tre mesi, so di aver fatto la scelta giusta, a volte ho l’impressione di vivere qui da molto tempo e mi basta guardare i volti sereni dei miei bambini e sentire le loro grida di gioia quando giocano in giardino con i loro nuovi amici, per capire che ogni tanto nella vita vale la pena rischiare perché alla fine si puo’ anche vincere.
A quanto pare “il gioco è valso la candela”.

accoglienza (welcome – accueill) inverosimile (unbelievable – incroyable) a detta di (according to – selon) inserirci (insert ourselves – nous insérer) perfino (even même) a volte (sometimes – parfois) volti (faces – visages) grida (cries -cris) ogni tanto (sometimes – parfois)

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

  • Happy Languages

    |

    Molto bella la tua storia, fatta di coraggio e saggezza, complimenti!

    Reply

Lascia un commento


Privacy Policy