Pillole/ L’uso del congiuntivo

Pillole grammaticali : l’uso del congiuntivo

Oggi, sempre più spesso, nell’italiano parlato si tende a sostituire il congiuntivo con l’indicativo. Ci sono casi in cui il congiuntivo è, però, indispensabile. Il congiuntivo serve per esprimere desiderio, dubbio, ipotesi, augurio, speranza, paura, opinione mentre l’indicativo esprime fatti e comunica informazioni.

Il congiuntivo si usa soprattuto nelle frasi secondarie, ma ci sono casi in cui è necessario anche nelle frasi principali:

Esortazione: Abbia pazienza

Concessione: Venga a trovarmi quando vuole

Dubbio: Non è arrivato. Che abbia perso il treno

Augurio: Magari vincessi alla lotteria!

Esclamazione: Sapessi cosa ho visto!

Il congiuntivo nelle frasi secondarie è introdotto dalla congiunzione che.

È necessario usare il congiuntivo:

– dopo le congiunzioni e le espressioni subordinate affinché, perché, benché, sebbene, come se, nel caso che, a condizione che, nonostante che, senza che, prima che, purché, senza che, malgrado, a meno che, nonostante

Es: Gli ingredienti perché Le Meraviglie, opera seconda di Alice Rohrwacher riscuotesse il successo della critica c’erano tutti

Ma ci sono voluti i dodici minuti di applausi esplosi in sala dopo la proiezione del film e la vittoria del Grand Prix, secondo premio più importante a Cannes, affinché se ne accorggessero anche gli italiani

Benché stia meglio, non vuole tornare a lavoro

Verrò a condizione che tu sia li

– Con aggettivi o pronomi indefiniti: chiunque, dovunque, qualunque, qualsiasi, qualunque cosa

Es: È un film sulla vita e sul modo in cui chiunque cerchi sempre di adattare le proprie regole a quelle del mondo

Dovunque io vada tu sarai con me

– Dopo verbi che esprimono:

Dubbio: Non sono certo di cosa sia successo

Timore: Temo che non riesca a finire in tempo

Opinione: Credo che voi stia esagerando

Stato d’animo: Sono felice che si siano riappacificati

Concessione: È permesso che si mangi in camera

Speranza: Spero che tu possa guarire presto

Desiderio: Voglio che tu compri questo libro

stato d’animo: Sono felice che tu sia qui

– Dopo espressioni impersonali come: bisogna che, è necessario che, è opportuno che, occorre che, è bene/èmale che, è meglio che, è utile che, è giusto che, puo’ darsi che

Es: È utile che vi compriate un ombrello

Può darsi che lui arrivi più tardi

Bisogna che facciate i vostri compiti

Ecco alcuni link dove trovate degli esercizi e l’articolo relativo a questa pillola grammaticale!

http://italyamonews.com/2014/05/30/le-meraviglie-di-alice-conquistano-il-pubblico-della-croisette-b2-c1/

http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=2817[/embed]

http://lab.chass.utoronto.ca/italian/verbi/congiuntivo.html[/embed]

http://esercizi.clessidra.eu/congiuntivo.html

http://www.italianonline.it/congiuntivopresente3.htm

http://www.italianonline.it/congiuntivopassato4.htm

Ed il trailer del film

http://www.mymovies.it/film/2014/lemeraviglie/trailer/

Buon lavoro!

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tags: , , , , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (2)

Lascia un commento


Privacy Policy