Archivia per novembre, 2014

grammatica italiana,italiano,mettere alle strette,mettere in pratica,mettere per iscritto,mettersi di traverso mettere sotto accusa,modi di dire con il verbo mettere

Modi di dire con il verbo “mettere”

Nell’articolo ( http://italyamonews.com/2014/10/28/rifiuti-zero-italia-da-sempre-in-prima-linea-contro-lo-spreco-b2-c1/) ci sono alcuni modi di dire con il verbo METTERE. Mettere nel suo significato più comune vuol dire collocare qualcosa in un certo posto o in un certo modo. Ma esistono moltissime diverse utilizzazioni del verbo mettere a seconda delle parole da cui è fatto seguire. Es:  Gli ambientalisti mettono sotto accusa un cementificio Mettere sotto accusa vuol dire denunciare che qualcuno è colpevole di qualcosa Ercolini si è messo di traverso Mettersi di traverso vuol dire ostacolare qualcuno nel fare qualcosa Ma Regione, messa alle strette, ha affidato a Rossano Ecolini il compito di mettere a punto un piano strategico (altro…)

Leggi Tutto 2 Commenti

italia,san Pietroburgo,viaggio in Italia

Lettere/ Quel viaggio in Italia che mi ha cambiato la vita

Lana di San Pietroburgo parla degli ultimi tre anni della sua vita. Per la prima volta sono arrivata in Italia più di tre anni fa. Nell’aeroporto di Milano la prima parola che ho sentito era “Bungior-r-rno”!! C’erano due amiche che chiaccheravano velocissimo! Naturalmente non ho capito niente, ma ascoltando le voci, questa musica bellissima, ho capito che volevo imparare la lingua, volevo parlare così veloce come queste ragazze e volevo pronunciare questo “Buongior-r-rno” così facile come tutti gli italiani. Detto-fatto. Sono già passati tre anni dal momento in cui ho iniziato a studiare la lingua. E più la studio più la (altro…)

Leggi Tutto Nessun Commento

austronauta,cavia,Malé. Esperimenti scientifici,milano,navicella soyuz,piccole e medie imprese,samantha cristoforetti,spazio,stazione spaziale internazionale,trento,universitç

Una donna italiana in missione nello spazio (B2-C1)

Samantha Cristoforetti Si chiama Samantha Cristoforetti. Ha un sorriso accattivante. E sarà la prima donna italiana ad essere lanciata nello spazio. L’Agenzia Spaziale Europea l’ha scelta tra 8413 candidiati rappresentanti tutti gli stati dell’Unione. Il prossimo 23 novembre lascerà la terra a bordo della navicella spaziale russa Soyuz per raggiungere la stazione spaziale internazionale ISS a 400mila chilometri di distanza. Letteralmente un lancio nel vuoto, a migliaia di chilometri orari, ma il suo sorriso non tradisce alcun timore. accattivante (charming – charmant) navicella spaziale (spacecraft – vaisseau spatial)non tradisce alcun timore (does not betray any fear – ne trahit aucune peur) La stazione (altro…)

Leggi Tutto 4 Commenti

della qualità di,esercizi,grammatica italiana,in qualità di,italiano,quale aggettivo relativo,tale

Pillole/ Quando “quale” è aggettivo relativo

Pillole grammaticali : quando QUALE è aggettivo relativo “Non a caso è stata scelta da importanti registi quali Mel Gibson e Pier Paolo Pasolini che qui ambientarono rispettivamente “La passione di Cristo” e il “Vangelo secondo Matteo…” http://italyamonews.com/2014/10/24/dalla-preistoria-al-futuro-matera-volano-per-la-cultura-europea-c1-c2/ La maggiorparte degli studenti stranieri di fronte a questo uso particolare di quale/quali ha molte difficoltà, al punto che il più delle volte la frase in cui è presente non viene capita. Si cerca il nome a cui si riferisce, ma non lo si trova. Eh già perché in questo caso quale/quali non è pronome relativo ma un aggettivo relativo con significato di: nelle condizioni che, (altro…)

Leggi Tutto Nessun Commento

Caravaggio,complemento oggetto,Galleria Borghese,grammatica italiana,italiano,Maddalena in estasi,Michelangelo Merisi,Mina Gregori,Napoli,Porto Ercole,Roma,San Giovanni,verbo dovere

Dopo 400 anni ritrovata “La Maddalena” di Caravaggio (C1-C2)

La Maddalena in estasi. Foto: repubblica.it Mina Gregori, storica dell’arte di fama internazionale, non ha dubbi. “La Maddalena in Estasi” di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, è stata ritrovata. Sparita nel nulla per quattrocento anni, la storica dell’arte è sicura di averla riconosciuta nella collezione privata di una famiglia europea. “L’incarnato del corpo di toni variati, l’intensità del volto, i polsi forti e le mani di toni lividi con mirabili variazioni di colore e di luce e con l’ombra che oscura la metà delle dita -ha detto Mina Gregori – sono gli aspetti più interessanti e intensi del dipinto. È Caravaggio”. fama internazionale (altro…)

Leggi Tutto 2 Commenti


Privacy Policy