Pillole: L’uso della virgola

La virgola è il segno di interpunzione più usato. Viene utilizzato per rappresentare una pausa breve tra le parole e, molte volte, svolge un ruolo determinante per una corretta trasmissione e percezione del messaggio. In particolare la virgola si usa per:

separare i termini di un  elenco

Es: Paesi accomunati dalla produzione di uno specifico alimento o da un determinato tema: Bio-Mediterraneo, Cereali e Tuberi, Isole, Zone Aride, Frutta e Legumi, Spezie, Caffè, Cacao e Riso

dividere frasi connesse tra di loro senza l’uso di congiunzioni

Es: Non a caso il concept di fondo del padiglione Italia è quello del vivaio, dell’incubatore di idee da far crescere e diffondere.

dividere una preposizione subordinata dalla principale

Es: Il sito che ospita Expo 2015 non è soltanto un contenitore, ma è vera e propria incarnazione dei valori e dei principi del tema di questa 150esima esposizione universale: “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”.

segue una vocazione (Andrea, sbrigati!) o una interiezione (Ho sbagliato il compito, ahimè!).

isolare un inciso

Es: Si va dal Padiglione Zero, che racconta la storia dell’uomo sulla Terra attraverso il suo rapporto con il cibo, al Future Food District, che spiega come la tecnologia cambierà le modalità di conservazione, distribuzione, acquisto e consumo di cibo. Ci sono poi il Children Park, lo spazio in cui bambini imparano a conoscere i temi di Expo Milano 2015 divertendosi, e il Parco della Biodiversità, un grande giardino in cui viene riprodotta la varietà degli ecosistemi che si trovano sul nostro Pianeta.

Qui l’articolo di riferimento per quesa pillola grammaticale.

Buon lavoro!

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tags: , , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Commenti (1)

Lascia un commento


Privacy Policy