Pillole/ Il trapassato remoto, come si forma e quando si usa

Pillole Grammaticali: Il trapassato remoto, come si forma e quando si usa

Il trapassato remoto si forma con: il passato remoto degli ausiliari essere o avere + il participio passato del verbo.

Mangiare: Io ebbi mangiato, tu avesti mangiato, lui/lei ebbe mangiato, noi avemmo mangiato, voi aveste mangiato, loro ebbero mangiato.

Credere: Io ebbi creduto, tu avesti creduto, lui ebbe creduto, noi avemmo creduto, voi aveste creduto, loro ebbero creduto

Partire: Io fui partito, tu fosti partito, lui fu partito, noi fummo partiti, voi foste partiti, loro furono partiti

 Trapassato remoto di essere e avere:

 Essere: Io fui stato/a, tu fosti stato/a, lui fu stato/a, noi fummo stati/e,, voi foste stati/e, Loro furono stati/e

Quando si sua il trappasso remoto?

Il trapassato remoto si usa solo nelle frasi subordinate per indicare fatti successi in un tempo anteriore a quello espresso nella fase principale. È un tempo verbale poco utilizzato nella lingua parlata, ma viene usato spesso nella lingua scritta.

Per poter usare il trapassato remoto, biosgna che:

il verbo della frase principale deve essere al passato remoto:

Es: dopo che ebbe ammesso la sua colpa, forni diverse…

la frase subordinata deve avere una funzione temporale, deve quindi essere introdotta da espressioni come quando, dopo che, non appena, finché, solo dopo, subito/immediatamente:

Es: quando i ragazzi furono partiti, mi misi a piangere;

dopo che ebbi appreso la notizia, le scrissi una mail;

non appena ebbero finito di mangiare, mi aiutarono a sparecchiare;

continuò a guardarlo finché Giovanni non si fu accorto di lui;

solo dopo che ebbe visto il cappotto, decise di comprarlo.

Ecco l’articolo di riferimento per questa pillola grammaticale ed alcuni esercizi per esercitarsi un po’.

Esercizio 1

Esercizio 2

Esercizio 3

Esercizio 4

Esercizio 5

Buon lavoro!

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento


Privacy Policy