• Home
  • Letture
  • Letture/ San Martino, il santo dei proverbi e dei mariti traditi

Letture/ San Martino, il santo dei proverbi e dei mariti traditi

san_martino[1]L’estate di San Martino dura tre giorni e un pochino”. È solo uno dei moltissimi proverbi italiani dedicati al santo vescovo di Tours, festeggiato dai cattolici l’unidici novembre. San Martino è entrato più di altri santi nelle tradizioni e nei costumi popolari degli italiani, probabilmente grazie al fatto che la sua festa coincide con una vecchia celebrazione celtica di cui sono rimasti intatti riti e rituali.

estate di San Martino (indian summer – été indien)  pochino (a little bit – un peu)  vescovo (bishop – évêque) festeggiato (celebrated – célébré) costumi (customs -coutumes) grazie al (due to – en raison de)

san martino 2San Martino nei proverbi italiani è prima di tutto il santo della metereologia. L’unidici novembre, infatti, segna l’inizio della cosidetta estate di San Martino, un susseguirsi di giorni con temperature più alte della media. Un fenomeno atmosferico, non sempre verificabile, ma che è divenuto credenza popolare tanto che negli ultimi secoli le famiglie approfittavano di questo giorno per traslocare le aziende al termine della stagione agricola. Un’usanza talmente consolidata che in alcune province italiane ancora oggi il trasloco viene definito San Martino.

segna (marks – marque) un susseguirsi (succession) credenza popolare (popular belief – croyance populaire) tanto che (so that – de sorte que)  traslocare (to move – déménager) al termine (at the end – à la fin) trasloco (the move – le déménagement)

Fino al secolo scorso, in Italia l’11 novembre era anche il giorno in cui riprendevano le attività dei tribunali, delle scuole, dei parlamenti ed in campagna, era il momento giusto per ammazzare il maiale. Da qui l’associazione della figura del Santo all’abbondanza di cibo e detti come: “Ce sta lu Sante Martino” per dire che in una casa c’è abbondanza di provviste. I primi giorni di novembre erano anche i giorni in cui cominciavano a scarseggiare le provviste: Per San Martino si spilla il botticino”, “Per San Martino cadono le foglie e si spilla il vino” che vogliono dire che, proprio in questi giorni, va finito il vino per pulire le botti e lasciarle pronte per la nuova annata. In Romagna si dice: “Par Sa’ Marten u s’imbariega grend e znèn”, ossia “Per San Martino si ubriaca il grande e il piccino”.

 riprendevano (resumed – reprenaient) tribunali (courts – tribunaux) ammazzare (to kill – tuer)  detti (sayings – proverbs) provviste (supplies – provisions) botti (barrels fûts) annata (season – saison) ossia (or – ou)

La gara delle botti nel comune di Castell'Umberto

La gara delle botti nel comune di Castell’Umberto

Molti proverbi legati al santo associano fenomeni metereologi con il successo del raccolto: “Se il dì San Martino il sole va in bisacca, vendi il pane e tieniti la vacca. Se il sole va invece giù sereno, vendi la vacca perché è poco il fieno” che, tradotto, significa: “Se all’ora del tramonto dell’11 novembre ci sono le nuvole che coprono il sole, si può sperare in un buon raccolto di fieno e di grano e ci sarà il pane da vendere e una vacca grassa, ma se tramonta in un bel cielo sereno, non ci sarà abbastanza fieno per gli animali e sarebbe meglio venderli”. Inoltre si dice che, chi semina dopo l’unidici novembre, ha un raccolto misero: “Per San Martino la sementa del poverino” e che chi desidera avere una vendemmia fruttuosa, deve sbrigarsi a potare e a preparare il terreno attorno alla vite: “Chi vuol far buon vino, zappi e poti nei giorni di San Martino”. Il vino è un elemento ricorrente nei proverbi di San Martino e diventa anche elemento di giudizio su una persona : “Chi non gioca a Natale, chi non balla a Carnevale, chi non beve a San Martino è un amico malandrino“!

raccolto (harvest – récolte) all’ora del tramonto (at sunset – au coucher du soleil) fieno e di grano (hay and grain – foin et ble) vacca (cow – vache) semina (sows – séme) sbrigarsi (hurry – se dépecher) potare (to prune – tailler) vite (grapevine – vigne) malandrino -roguish – espiègle)

Molti altri proverbi riguardano i prodotti da consumare a tavola insieme al vino: Per San Martino castagne e vino” oppure Oca, castagne e vino lascia tutto per San Martino”. La tradizione di mangiare l”oca si ispirerebbe a una leggenda secondo la quale quando San Martino venne eletto per acclamazione vescovo di Tours in Francia, si nascose in campagna perché preferiva continuare a vivere come semplice monaco. Ma le strida di un stormo di oche rivelò agli inseguitori il suo nascondiglio del santo e San martino dovette accettare e diventare vescovo. Più probabile, invece, che la scelta dell’oca derivi dalle celebrazioni del “Samuin” Celtico: l’oca era per i Celti un animale sacro, simbolo del Messaggero divino, che accompagnava le anime dei defunti nell’aldilà.

castagne (chestnuts – châtaignes) Oca (oie – goose) si ispirerebbe (would be based – serait inspirée) strida (cries – cris) stormo (flock – trupeau)

La festa dei cornuti

La festa dei cornuti

Restando sempre in tema di animali. Per molti anni in concomitanza alla festa di San Martino fa si svolgeva la fiera più importante di animali con le corna, mucche, buoi, tori, capre, montoni. Per questo San Martino è stato “eletto” a patrono dei mariti traditi: “Per San Marten volta e zira, tot i bech i va a la fira”, “Per san Martino volta e gira, tutti i becchi vanno alla fiera”, è un proverbio romagnolo mentre i romani affermano che : “Chi cià moje, tie’ pe’ casa San Martino”!  E ancora oggi in alcune cittadine, fra cui Nepi, nella provincia di Viterbo, per la Festa di San Martino, molti giovani sfilano per le vie del paese portando come trofeo delle corna di cervo che si passano l’un l’altro in un rito apotropaico che dovrebbe scongiurarle. Proverbi, credi, tradizioni e rituali che si ripetono da secoli e che vedono San Martino unico protagonista.

 in concomitanza (together with – au même temps que)  si svolgeva (took place – se déroulait) animali con le corna (horned animals – animeaux avec les cornes) buoi (oxen – boeufs) montoni (rams – béliers) traditi (betrayed – trahis) scongiurarle (avoid – éviter)

 

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento


Privacy Policy