• Home
  • grammatica italiana

Posts Taggati ‘grammatica italiana’

grammatica italiana,italiano,mettere alle strette,mettere in pratica,mettere per iscritto,mettersi di traverso mettere sotto accusa,modi di dire con il verbo mettere

Modi di dire con il verbo “mettere”

Nell’articolo ( http://italyamonews.com/2014/10/28/rifiuti-zero-italia-da-sempre-in-prima-linea-contro-lo-spreco-b2-c1/) ci sono alcuni modi di dire con il verbo METTERE. Mettere nel suo significato più comune vuol dire collocare qualcosa in un certo posto o in un certo modo. Ma esistono moltissime diverse utilizzazioni del verbo mettere a seconda delle parole da cui è fatto seguire. Es:  Gli ambientalisti mettono sotto accusa un cementificio Mettere sotto accusa vuol dire denunciare che qualcuno è colpevole di qualcosa Ercolini si è messo di traverso Mettersi di traverso vuol dire ostacolare qualcuno nel fare qualcosa Ma Regione, messa alle strette, ha affidato a Rossano Ecolini il compito di mettere a punto un piano strategico (altro…)

Leggi Tutto 2 Commenti

della qualità di,esercizi,grammatica italiana,in qualità di,italiano,quale aggettivo relativo,tale

Pillole/ Quando “quale” è aggettivo relativo

Pillole grammaticali : quando QUALE è aggettivo relativo “Non a caso è stata scelta da importanti registi quali Mel Gibson e Pier Paolo Pasolini che qui ambientarono rispettivamente “La passione di Cristo” e il “Vangelo secondo Matteo…” http://italyamonews.com/2014/10/24/dalla-preistoria-al-futuro-matera-volano-per-la-cultura-europea-c1-c2/ La maggiorparte degli studenti stranieri di fronte a questo uso particolare di quale/quali ha molte difficoltà, al punto che il più delle volte la frase in cui è presente non viene capita. Si cerca il nome a cui si riferisce, ma non lo si trova. Eh già perché in questo caso quale/quali non è pronome relativo ma un aggettivo relativo con significato di: nelle condizioni che, (altro…)

Leggi Tutto Nessun Commento

Caravaggio,complemento oggetto,Galleria Borghese,grammatica italiana,italiano,Maddalena in estasi,Michelangelo Merisi,Mina Gregori,Napoli,Porto Ercole,Roma,San Giovanni,verbo dovere

Dopo 400 anni ritrovata “La Maddalena” di Caravaggio (C1-C2)

La Maddalena in estasi. Foto: repubblica.it Mina Gregori, storica dell’arte di fama internazionale, non ha dubbi. “La Maddalena in Estasi” di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, è stata ritrovata. Sparita nel nulla per quattrocento anni, la storica dell’arte è sicura di averla riconosciuta nella collezione privata di una famiglia europea. “L’incarnato del corpo di toni variati, l’intensità del volto, i polsi forti e le mani di toni lividi con mirabili variazioni di colore e di luce e con l’ombra che oscura la metà delle dita -ha detto Mina Gregori – sono gli aspetti più interessanti e intensi del dipinto. È Caravaggio”. fama internazionale (altro…)

Leggi Tutto 2 Commenti

avere,complemento oggetto,esercizi,essere,grammatica italiana,italiano,participio passato,pronomi lo la li le,verbi prenominali,verbi riflessivi

Pillole/ L’accordo del participio passato

In italiano il participio passato non resta invariato come in inglese, ma ci sono dei casi in cui va accordato in genere e numero con il soggetto. 1) Quando il verbo prende l’ausiliare essere Es: Era partito (lui) per una massione di due settimane Era partita (lei) per una missione di due settimane Erano partiti (loro) per una missione di due settimane Maria è arrivata in ritardo Giovanni è arrivato in anticipo Nei verbi riflessivi e nei verbi pronominali seguiti da un complemento oggetto, il particpio passato può essre accordato in genere e numero con il soggetto o con il complemento oggetto (altro…)

Leggi Tutto Nessun Commento

affermazione,bambini,barcone,centro astalli,grammatica italiana,guerra,iran,iraq,italiano,mare nostrum,marina militare,migrantes,migranti,morti nel mediterraneo,nave affondata,neanche neppure,negazione,nemmeno,non...non,scafista,somalia,strage

Ancora morti nel “Mare Nostrum”, agenzie umanitarie in allarme (C1-C2)

Una barcone carico di migranti nel mare Mediterraneo Quando arrivano sono esausti. Hanno gli occhi sgranati nonostante la stanchezza e i volti segnati dalla paura. Si muovono come fantasmi sulle banchine. Sono troppi, sempre di più i migranti che attraversano il Mediterraneo per scappare dalla guerra e dalla fame. E sono tanti, troppi, quelli che non arrivano mai. In soli tre giorni, (tra il 14 e il 16 settembre) ottocento sono stati inghiottiti dal mare sopraffatti dalle onde a cui avevavo affidato il loro futuro. È successo in un attimo. L’ennesima tragedia tra le acque. Sulla quale, però, si allunga lo spettro dell’omicidio (altro…)

Leggi Tutto Nessun Commento


Privacy Policy